forex trading logo

Contatore Visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday151
mod_vvisit_counterYesterday337
mod_vvisit_counterThis week657
mod_vvisit_counterLast week1107
mod_vvisit_counterThis month3024
mod_vvisit_counterLast month4324
mod_vvisit_counterAll days690392

Saluto di S. Em.za Rev.ma Sig. Card. Gualtiero BASSETTI

Arcivescovo Metropolita di Perugia - Città della Pieve

Presidente della Conferenza Episcopale Umbra

Moderatore del Tribunale Ecclesiastico Regionale Umbro

 

Saluto i carissimi fratelli nell’episcopato il vescovo monsignor Sorrentino e il vescovo di Terni, Padre Giuseppe Piemontese cui facciamo gli auguri perché partecipa per la prima volta all’inaugurazione dell’anno giudiziario del nostro tribunale. Un saluto anche ai sacerdoti qui presenti, i religiosi, le Autorità civili e militari; durante la Santa Messa era presente anche il Sindaco di Perugia, ma doveva assentarsi per l’inaugurazione dell’anno giudiziario al TAR di Perugia. Voglio fare un saluto particolare al rappresentante della Corte d’Appello, e anche al rappresentante della Procura della Repubblica che sono qui presenti. Ci sentiamo veramente onorati di avere qui con noi le massime autorità del nostro Tribunale civile.

Magistrati e avvocati, esimio professore e avvocato rotale Paolo Moneta membro della Commissione speciale di studio per la riforma del processo matrimoniale canonico.

Illustri operatori giudiziari del nostro tribunale, gentili signore e signori.

Personalmente non intendo fare una relazione sull’attività del tribunale, né sarei in grado di farlo, in quanto sono un “cattivo” Moderatore. Questa naturalmente sarà fatta dal nostro vicario giudiziario, padre Cristoforo. Ma vorrei soffermarmi su alcuni principi pastorali riguardanti la vita matrimoniale che sono il valore irrinunciabile sia per la Chiesa, che per la società civile.

Viviamo un tempo speciale, perché dal 5-19 ottobre 2014 si è celebrata la prima parte del Sinodo straordinario sulla famiglia, con il tema: «Sfide pastorali della famiglia nel contesto dell’evangelizzazione» dove la Chiesa ha “intercettato” e affrontato i cambiamenti che interessano la famiglia nella società contemporanea. La famiglia vista e tenuta non come un ideale astratto, ma reale con tutta la complessità dei suoi problemi e, grazie a Dio, delle sue risorse. Cito le parole Pontificium Consilium pro Familia che coglie con una singolare sintesi l’essenziale del Sinodo sulla famiglia: «Un percorso originale – quello del Sinodo straordinario – che vede coinvolte e interpellate tutte le componenti ecclesiali e non solo. Nella scelta della famiglia, con le sue sfide inedite e le grandi risorse, la Chiesa respira a pieni polmoni, per se stessa e per tutta l’umanità. (È bella che la Chiesa e la famiglia respirino a pieni polmoni per l’umanità).

Il vangelo sulla famiglia è la buona novella dell’amore divino che va proclamata a quanti vivono questa fondamentale esperienza umana personale, di coppia e di comunione aperta al dono dei figli, che è la comunità familiare. Il magistero della Chiesa sul matrimonio va presentato e offerto in modo comunicativo ed efficace, perché raggiunga i cuori e li trasformi secondo la volontà di Dio manifestata in Cristo Gesù[1].

Recentemente (05/11/2014) Papa Francesco ha richiamato la necessità della Giustizia nella Chiesa in tempi “ragionevoli”. Egli ha detto: la Chiesa non faccia aspettare anni per sapere se un matrimonio è nullo o valido. «Quanta gente – ha esclamato il Papa – aspetta anni una sentenza”. La linea da seguire è quella della giustizia, ma anche della carità, “perché c’è tanta gente che ha bisogno di una parola della Chiesa sulla sua situazione matrimoniale, per il sì e per il no, ma che sia giusta. Ma, alcune procedure sono tanto lunghe o tanto pesantie la gente alla fine ci rinuncia… (Questi  casi sono capitati anche a me, ai vescovi).

La madre Chiesa deve fare giustizia e dire: “Sì, è vero – ancora il Papa –, il tuo matrimonio è nullo. No, il tuo matrimonio è valido”. Ma giustizia è dirlo. Così, loro possono andare avanti senza questo dubbio, questo buio nell’anima…(È infatti un invito pressante per i nostri tribunali)

E bisogna essere anche molto attenti che le procedure non siano entro la cornice degli affari – ancora il Papa –: e non parlo di cose strane. Ci sono stati anche scandali pubblici. Io ho dovuto congedare dal Tribunale una persona, tempo fa (quando era ancora vescovo di Buenos Aires), che diceva: «10.000 dollari e ti faccio i due, il civile e l’ecclesiastico». Per favore, questo no! Sempre nel Sinodo alcune proposte hanno parlato di gratuità, si deve vedere... Ma quando sono attaccati l’interesse spirituale all’economico, questo non è di Dio!”.

La madre Chiesa ha tanta generosità per poter fare giustizia gratuitamente, come gratuitamente siamo stati giustificati da Gesù Cristo (fin qui il Papa). Per questo è importante separare l’interesse spirituale da quello economico. Infine, il Papa ha esortato i presenti ad andare avanti e cercare sempre la salvezza delle anime»[2].

Bisogna dunque andare avanti, sulla strada dello snellimento delle procedure, perché “è la madre Chiesa che va e cerca i suoi figli per fare giustizia”. Per risolvere l’ingente problema della durata del processo di nullità matrimoniale canonico nel settembre scorso, Papa Francesco ha istituito una Commissione speciale di studio per la riforma del processo matrimoniale canonico, con l’obiettivo di semplificarne la procedura, rendendola più snella e salvaguardando il principio di indissolubilità del matrimonio. Naturalmente di questo ci parlerà il nostro Illustre Ospite, prof. Moneta.

A me, come ai Pastori delle chiese particolari, sta molto a cuore la famiglia, il suo bene e il suo sviluppo. Abbiamo nella Diocesi e nella Regione molte iniziative a sostegno della famiglia e della pastorale familiare. Vi cito una per tutte: “Casa della tenerezza” qui in Perugia, ma altri Vescovi è chiaro potrebbero citarne per le loro diocesi.

Noi cerchiamo di incrementare le équipe per i corsi prematrimoniali che funzionano abbastanza bene. Qui ho trovato, direi, più serietà che non p.e. alle diocesi di mia provenienza, io vengo dalla Toscana, perché veramente si fanno tanti incontri e anche qualificati. Il Sinodo di Perugia ha chiesto almeno dodici incontri e non sono pochi! Se noi valutiamo un pochino quello che si fa nelle altre diocesi. Vogliamo continuare perché anche questa è serietà. Le équipe per i corsi prematrimoniali che funzionano diffondono il “profumo” di santità e la bellezza della famiglia. Ci stiamo impegnando nell’accompagnamento delle giovani e meno giovani coppie. La “Festa della Famiglia” che da diversi anni ha preso corpo è oramai un appuntamento fisso al quale partecipano tantissime coppie di sposi. Quest’anno abbiamo fatto, secondo me, una bella iniziativa di farla insieme ad Assisi per tutte le diocesi. Sono però consapevole dei drammi di tante famiglie, per la difficoltà della crisi economica e morale, che non accenna alcuna tregua, per l’egoismo umano e la durezza del cuore, per le preoccupanti notizie di femminicidio che non risparmiano nessuna regione, e potrei continuare la litania …, su ciò non voglio insistere stamani. Grazie a Dio, ci sono anche segni positivi, piccole luci che non dobbiamo “spengere”, anzi incrementare e tutelare perché sono per noi segni che il Signore non si stanca dell’umanità e alimentano la speranza. Perdonatemi questa breve condivisione, ma come Pastore del Gregge di Cristo sentivo anche questo dovere di comunicare quello che mi passava nell’anima.

L’Inaugurazione dell’Anno Giudiziario del nostro Tribunale, non è e non deve passare come atto dovuto, come atto rituale, ma deve servire per capire e comprendere il reale “stato di salute” delle nostre famiglie, le problematiche che vivono, le difficoltà che incontrano, per vivere e testimoniare veramente nell’amore nuziale tra l’uomo e la donna quel «mistero grande», che rende presente nel mondo l’amore di Cristo e della Chiesa e il sacramento del matrimonio. (cfr. Ef 5,31-32).


[1] Cfr. Pontificium Consilium pro Familia, in http://www.familiam.org/famiglia_ita/chiesa/00005682_Sinodo_sulla_famiglia.html.

[2] Cfr. http://www.news.va/it/news/papa-chiesa-non-faccia-aspettare-anni-per-sapere-s

 


Powered by Joomla!. Designed by: business web hosting idv.tw domain Valid XHTML and CSS.